…DIETRO LA PORTA…

 
 
Grazie al mio amico Ipopablo che mi ha dato lo stimolo e un calcio in culo virtuale, riprendo a scrivere.
L’ avrei fatto prima o poi, ma lui mi ha aiutato ad anticipare il tutto. Grazie ancora Pa.
Ho riflettuto sui perchè di questo black out giungendo alla conclusione che il mio carattere riservato ancora una volta ha colpito, anche sul web.
Infatti quando non so che dire preferisco stare zitto piuttosto che parlare del solito caldo afoso, pioggia incessante, ecc. ecc.
Quando invece so cosa dire, lo dico e l’ interlocutore non reagisce come mi aspetto, smetto di parlare.
Anche adesso che sto parlando di me penso che può non fregargliene niente a nessuno, ma è una premessa che devo fare per introdurre l’ argomento di oggi che è il mio obbiettivo di sempre: cambiare per migliorare innanzitutto me stesso, se voglio che il mondo migliori.
Anche in questo Ipopablo (nei link a destra dello schermo: inviatecilamagia) mi ha lanciato un assist involontario con un post bellissimo in cui inizialmente sembra parlare di una storia fine a se stessa, ma con una riflessione finale da brividi (titolo del post: il passero e il suo doppio).
CAMBIAMENTO=SALVEZZA
Noi siamo la somma delle nostre scelte e delle nostre abitudini.
Tutto quello che oggi siamo è il risultato di come ci siamo rapportati con l’ambiente che ci ha circondato nella nostra vita.
Tutte le nostre convinzioni vanno messe in discussione anche quelle che ci sembrano buone; possiamo sempre decidere di proseguire sulla stessa strada, ma solo dopo un’ analisi di tanto in tanto.
Bene…..un lato del mio carattere che fino a qualche giorno fa non mi dava crucci era proprio questa sorta di ‘sincerità’ nelle pubbliche relazioni; anche se mi ha causato diversi problemi di comunicazione e socializzazione, ero quasi fiero di questo aspetto caratteriale che mi trascino dietro da sempre e, giudicando le persone a pelle, non mi sono mai particolarmente piaciute quelle che attaccano bottone con argomenti futili, anche se ho qualche amico che ha questa dote innata.
Come dicevo, da qualche giorno a questa parte soffermandomi su questo aspetto ho deciso che vanno riguardate le modalità del mio comportamento, non che di punto in bianco divento l’ esatto opposto (non ci riuscirei), ma smussare gli spigoli vivi non mi farebbe male, perchè uno dei semi che vale la pena piantare soprattutto di questi tempi, è il dialogo;  magari
 partendo da discorsi meteorologici possono nascere grandi amicizie ed intese.
Al solo pensiero inorridisco; non mi ci vedo proprio, ma nei limiti delle mie possibilità dovrò provarci. Hai proprio ragione Pablo bisogna saper svoltare.
Per completare questo divagare di pensieri mi autodedico questa bellissima canzone.
 
Cristiano De Andrè interpreta ‘Dietro la porta‘ in una versione unplugghed Cristiano De Andrè Oceano Dietro La Porta
video lang: it

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.